Info Sport | Catania – Cagliari 2-1, 9/11/08

Catania Mascara.jpgCatania – Cagliari 2-1

 

 

Si chiama legge del Massimino, lasciate ogni speranza voi che entrate. L’Udinese unica eccezione di una regola ferrea: cinque partite, quindici punti dei rossoblu che così si costruiscono la salvezza tra le mura amiche. Eppure il Cagliari non meritava di cadere e il k.o. non toglie che la squadra è in salute e darà del filo da torcere già alla Fiorentina, domenica prossima. Oggi paga l’aver smesso troppo presto di crederci, dopo aver creato più d’un grattacapo ai padroni di casa, insolitamente lenti e senza idee.

DOCCIA FREDDA – Da dimenticare l’avvio dei padroni di casa. Alla prima occasione, il Cagliari passa con Jeda: angolo non irresistibile, come il brasiliano sulle palle alte. Ma staccare e metterla nell’angolo è davvero troppo facile. E meno male che il Massimino era il fortino inespugnabile, dove solo l’Udinese, finora, aveva segnato. Ti aspetti una reazione e invece piovono fischi a condire una prima mezz’ora bruttina, con Lazzari e Cossu a tenere palla in avanti e il Catania tutto appoggiato sulle spalle di Paolucci, bravo sì ma leggerino. Dal possibile raddoppio di Acquafresca al pari di Mascara: giocata da attaccante puro al limite dell’area cagliaritana e diagonale nell’angolo. Al 37′, tutto da rifare tra Catania e Cagliari.

A PALLONATE – Ma la voglia, nella ripresa, resta negli spogliatoi. Gara brutta a forza di lanci lunghi e passaggi imprecisi tra due squadre che sanno solo allungarsi. Tedesco fa in tempo a divorarsi il 2-1 che le due panchine corrono ai ripari: fuori un attaccante per un attaccante, Paolucci-Plasmati da una parte, Acquafresca-Larrivey dall’altra. Resta da giocare un quarto d’ora, pericoli a referto zero. Se non fosse che Plasmati va giù al limite e l’occasione è troppo ghiotta per il mancino di Sabato. La barriera del Cagliari si apre e il Catania passa, per il 2-1 finale. Buon appetito Allegri, c’è da mangiarsi le mani.
gazzetta.it

Info Sport | Catania – Cagliari 2-1, 9/11/08ultima modifica: 2008-11-09T17:44:47+01:00da sportblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento