Info Sport | Serie A: anticipo Juventus – Genoa 4- 1, 13/11/08

Serie A: anticipo Juventus – Genoa 4- 1
I bianconeri agganciano l’Inter in vetta
Juventus Amauri.jpgLa Juventus batte il Genoa 4-1 nell’anticipo della 12/a giornata agganciando l’Inter in testa alla classifica di serie a, a quota 24. La testa della A mancava dal 14 maggio 2006. Partenza sprint della Juve, alla 7/a vittoria consecutiva: Grygera in gol al 6′,Milito sfiora il pari(18′) ma Amauri raddoppia (26′).Nella ripresa e’ ancora il ‘Principe’ ad animare il Genoa, ma la Juve controlla: occasione per Del Piero (77′) poi segna Iaquinta (85′),all’89’ Milito su rigore accorcia ma un autogol di Papastathopulos fissa il risultato.

La Juventus è in testa alla classifica. Non succedeva da 915 giorni, dal 14 maggio 2006. Ed è ancora più significativo che sia a braccetto (ma con una gara in più) della sua rivale storica, perlomeno del recente passato, l’Inter. Il prossimo turno le metterà di fronte, il 22 novembre, a San Siro. La Juve arriva in vetta grazie alla settima vittoria consecutiva, la quinta in campionato. Stavolta la vittima è il Genoa, battuto 4-1 nell’anticipo della 12ª giornata di campionato. Gol di Grygera, Amauri, Iaquinta, Milito su rigore, e autorete di Papastathopoulos. Un Genoa che nel primo tempo, chiuso in svantaggio 2-0, ha giocato bene, ma sprecato troppo. Poi nella ripresa ha mollato, stroncato da una Juve che ha la cattiveria agonistica di un Chiellini onnipresente e il talento di un Del Piero oggi assente dal tabellino dei marcatori, ma favoloso in alcuni tocchi smarcanti.

 –

La Juve, con Marchionni titolare e Camoranesi che fa capolino in panchina, sfrutta l’entusiasmo scaturito dalle 6 vittorie consecutive. E parte con il botto: gol di Grygera, che trova un destro incrociato vincente sul suggerimento di Del Piero. Poi è cinica. Vincente. Bada poco allo spettacolo e molto al risultato. Aspetta il Genoa, che attacca in forze, giocando sempre palla a terra, pericoloso sulla destra, dove Palladino punta sempre Molinaro. I rossoblù sfiorano il pari con Ferrari (colpo di testa appena alto), e Milito, che va in slalom tra Legrottaglie e Chiellini, ma sfiora soltanto il palo alla destra di Manninger, che era battuto. E arriva il raddoppio della Juve. Lo segna Amauri, con una prodezza atletica. L’attaccante brasiliano decolla sul cross dalla destra di Grygera, stasera decisivo. Il colpo di testa è di quelli imperiosi: Rubinho può solo raccogliere il pallone nella sua rete. Sesto gol in campionato di Amauri.
Ma il Genoa insiste. Il 2-0 subìto non lo stende. Gasbarroni centra da sinistra, tocco di Marchionni che sfiora l’autorete. Manninger ci arriva, forse aiutato dal palo. Un fuorigioco ferma Milito che segna: in realtà era tenuto in gioco da Molinaro. E proprio il terzino sinistro bianconero, lanciato solo davanti a Rubinho da Del Piero, si divora il 3-0. All’intervallo la Juve è avanti di due reti. Troppo, per quello che si è visto.
La ripresa è giocata a ritmi più bassi. Le squadre hanno entrambe dato molto in un primo tempo vibrante. Palladino, positivo, ma più fumo che arrosto, non trova la deviazione sottoporta su invito di Milito. Poi la Juve si stabilizza. E gestisce il doppio vantaggio senza concedere molto. Riparte in verticale, mentre il Genoa continua a dominare il possesso palla, giocando però adesso troppo in orizzontale. Dal 24′ si rivede in campo Camoranesi. Del Piero, anche stasera ispirato in numerosi preziosismi, prova la solita punizione a girare: stavolta finisce di poco alta. E allora Ale si “accontenta” di recitare da assistman: il suo assist per il nuovo entrato Iaquinta vale il 3-0. Il Genoa trova almeno il gol dell’onore con un rigore realizzato da Milito, ora in doppia cifra di centri, trono di capocannoniere consolidato, per un mani di Legrottaglie. E nel finale arriva il 4-1 finale, per una sciagurata autorete di Papastathopoulos. La Juve vince, anzi stravince, perlomeno per il punteggio. E dopo tanto tempo guarda tutti dall’alto.
IL TABELLINO
JUVENTUS-GENOA 4-1 (primo tempo 2-0)
MARCATORI: Grygera (J) al 6′, Amauri (J) al 26′ p.t.; Iaquinta (J) al 40′, Milito (G) su rigore al 44′, Papastathopoulos (G) autorete al 47′ s.t.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Marchionni (24′ s.t. Camoranesi), Sissoko, Tiago, Nedved; Del Piero (43′ s.t. Giovinco), Amauri (39′ s.t. Iaquinta). (Chimenti, De Ceglie, Mellberg, Marchisio). All. Ranieri.
GENOA (3-4-3): Rubinho; Biava (35′ s.t. Papastathopoulos), Ferrari, Criscito; Potenza (16′ s.t. Bocchetti), Thiago Motta, Juric, Rossi; Gasbarroni (1′ s.t. Sculli), Milito, Palladino. (Scarpi, Vanden Borre, Olivera, Jankovic). All. Gasperini.
ARBITRO: Rocchi di Firenze.
NOTE: spettatori 16.000 circa. Ammoniti Thiago Motta, Rossi. Recupero 1′ p.t. e 4′ s.t.
– 
 –
ansa gazzetta.it

Info Sport | Serie A: anticipo Juventus – Genoa 4- 1, 13/11/08ultima modifica: 2008-11-13T22:42:00+01:00da sportblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento