Napoli: Lavezzi scappa in Argentina (parla il manager)

Ormai se ne dicono di tutti i colori il motivo per cui Lavezzi abbia lasciato il Napoli e sia andato in Argentina. Il suo procuratore Alejandro Mazzoni cerca di fare il punto della situazione.

Napoli Lavezzi El Pocho.jpg
     
E’ una relazione in crisi, ma questo non vuol dire che non si possa trovare nuovamente un accordo tra il Napoli e Lavezzi, che è molto legato al popolo napoletano e non vuole andarsene“. Così il procuratore dell’argentino, Alejandro Mazzoni, torna sulla fuga in patria del suo assistito. “Lavezzi sente che gli hanno mancato di rispetto, soprattutto il direttore Marino. L’offerta del Liverpool? E’ reale: 3,5 milioni di euro all’anno“.

Cosa succederà non lo so” aggiunge Mazzoni (in queste ore a Madrid forse per trattare col Real), “però vorrei chiarire che questa situazione che si è venuta a creare non è nata per un problema di soldi o di ingaggio ma di dignità“. Mazzoni precisa di non volere addossare colpe al presidente De Laurentiis, “visto che non so neanche se è stato informato dei fatti“. Il procuratore del Pocho poi si sofferma sul retroscena che ha portato Lavezzi a imbarcarsi sul primo volo per l’Argentina: “Marino si è rifiutato di ascoltare l’offerta del club inglese e non ha voluto parlare con il calciatore neanche una volta“.

La proposta giunta dalla Premier (3,5 milioni a stagione) è fatta di cifre “che il Napoli non è in grado di assicurare“. I rapporti con il direttore generale partenopeo sono decisamente tesi e Mazzoni non lo nasconde di certo: “Sono dieci giorni che non ci risponde al telefono“. Poi il procuratore esprime la sua personale teoria sulla vicenda: “Secondo me il Napoli sta pensando di venderlo. Se Marino mi chiamasse adesso? Non so, non sono stato d’accordo con la decisione del Pocho di partire per l’Argentina, ma lui ha preso la sua decisione e ha detto che la sua dignità non ha prezzo“.

Napoli: Lavezzi scappa in Argentina (parla il manager)ultima modifica: 2009-06-02T22:39:00+02:00da sportblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento