Milan: Galliani ‘Perchè vendere kakà’

L’Amministratore Delegato del Milan Adriano Galliani spiega il motivo perchè il Milan deve vendere Kakà, mette in evidenza che il Milan non può perdere 70 milioni di euro all’anno e che la squadra non sarà svalutata ma che arriveranno una mezza punta e un forte attaccante e si sbilancia già sul nuovo modulo 4-3-1-2, quindi la cessione del fuoriclasse brasiliano servirebbe per rinforzare la squadra ed avere risorse per il mercato 2009/10 dei rossoneri.

Galliani perchè vendere kakà.jpg

Il Milan non può perdere 70 milioni di euro ogni anno“. Ecco perché i rossoneri si apprestano a cedere Kakà al Real Madrid. Adriano Galliani parla alla Gazzetta dello Sport: “Anche il cuore deve confrontarsi coi numeri” dice l’ad rossonero, “ma non stiamo smobilitando. Arriverà un grande attaccante, una mezzapunta, visto che il prossimo anno giocheremo col 4-3-1-2“. E ancora: “Pato, Pirlo e Seedorf sono incedibili. I tifosi? Spero capiscano“.

La cessione che era sfumata a gennaio sembra dunque ormai a un passo dall’essere realtà. “Ricky al Manchester City non voleva andare, a Madrid invece sì” spiega Galliani. “Il giocatore si è sempre comportato bene con noi, non ha mai chiesto adeguamenti o prolungamenti di contratto. E’ stato qui sei anni vincendo tutto quello che c’era da vincere“.

Parole che sembrano già un commiato. “La radice del problema è economica, l’Italia ha perso competitività e la Serie A deve lottare per non farsi superare dagli altri campionati” ribadisce il dirigente rossonero, che da tempo insiste sulla differenza di regime fiscale fra Italia e Spagna, differenza che sfavorisce chi gioca nel Bel Paese.

Ma non ci stiamo ridimennsionando” assicura Galliani. “Non arriveranno Amauri o Adebayor, nè giocatori del Real, ma un grande attaccante, uno che giochi nella posizione di Kakà. Il Milan è pronto a ripartire, per tornare a vincere“.

Commenta

Milan: Galliani ‘Perchè vendere kakà’ultima modifica: 2009-06-04T21:32:00+02:00da sportblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento